Caro Mario Giordano Il TORO E' passione condivisa.

Mario Giordano

http://www.toronews.net/author/mgiordano/

Colpa del presidente?

Lavata di capo / Torna l’opinione di Mario Giordano sulle colonne di Toro News

Colpa del presidente? Se Ljajic cammina per il campo, se Iago Falque non difende, se nessuno morde, se la squadra si arrende ancora prima di combattere? Colpa del presidente se chi gioca non ha stimoli? Se quelli che entrano in campo non hanno nemmeno l’unghia del piede granata, altro che il cuore? Si può pensare quello che si vuole della squadra, possiamo dire che ci siamo illusi, che quelli che qualche mese fa sembravano dei fenomeni sono dei brocchi, che Baselli e Benassi non sono l’asse futuro di una possibile nazionale ma due imbrocchiti, possiamo pensare che Hart è già diventato un ex fenomeno, che Zappacosta e Barreca sono due scarsi, che ci vogliono altri giocatori, altri investimenti, che la campagna d’acquisti di gennaio è stata sbagliata, che Iturbe ha rubato il nostro entusiasmo e Carlao è un Ufo, possiamo essere d’accordo su tutto: ma come giustificare 11 che entrano in campo in quel modo? E che giocano in quel modo? Fossero anche i più scarsi del pianeta, io non li perdonerei. E io non li perdono.

E dunque, prima di ogni altra cosa, prima di rimettere in discussione tutto, compresa una stagione che poteva essere assai diversa, me la prendo con chi li manda in campo così. Con chi non sa trovare gli stimoli, le motivazioni, le parole giuste per tirare fuori l’anima (sempre e comunque) da chi indossa la maglia granata. E che dopo che ha visto quello scempio manco si arrabbia. Come se fosse soddisfatto. Come se fosse naturale. Come se quasi gli convenisse. Ricordo allenatori (Mondonico su tutti) che in circostanze societarie drammatiche facevano scudo con il loro corpo e, ogni caso, non s’arrendevano, non chinavano il campo. Mandavano in campo uomini con il coltello tra i denti. Oggi invece abbiamo un tecnico che manda in campo un branco di mammolette e poi è sempre pronto a scaricare la responsabilità su altri, con la complicità di giornali filo-bianconeri che giocano al tanto peggio tanto meglio sulla nostra pelle. Senza avere il coraggio di dire una cosa semplice semplice: anche 11 paracarri ieri avrebbero avuto più cuore e più forza di quei fantasmi vestiti di granata. “Cairo compra un presidente”, titolava Tuttosport. No, bisognerebbe solo comprare un po’ di dignità. E magari un allenatore che, anziché continuare a raccontar palle, dimostrasse di averle davvero.

Mario Giordano

___________________________________

Caro Mario Giordano Il TORO E' passione condivisa. 
Leggo L'articolo Di Mario Giordano pubblicato Sulle Colonne Di Toronews Ed Approfitto Della Cortese Ospitalità Della "cibercolonne" Della Pagina Web Per Rispondere, Al Prestigioso Giornalista E Signorile Tifoso, Essendo Io Altrettanto Tifoso Del TORO, Che Ritengo Si Debba Avere Maggiore Ambizione Di Quella Affidata Dal Suo Articolo Al "cuore" Che I Ragazzi Del Toro Non Metterebbero In Campo, Complice A Suo Dire Un Allenatore Che Non Contribuirebbe A Questo. Direi, Anzi, "Sono Contrariato" Come Ebbe A Fare Con Un Cartello Mostrato In Curva Un Tifoso Del Napoli Alcuni Mesi Addietro . E I Motivi , Non Me Ne Voglia Mario Giordano, Che Stimo Moltissimo, Sono Essenzialmente Due: Intanto Essere Tifosi Del Toro E' Molto Di Più Che Seguire Una Squadra Che Getta Il Cuore Oltre L'ostacolo Come Potrebbe Fare (senza Ironia Alcuna) Il Crotone : Il Toro Ha Una Storia Tragica E Meravigliosa Insieme, Nel Senso Anche Filosofico Della Parola "tragico" Che Identifica La Frazione Forte E Inarrestabile Dello Spazio In Cui Si Fanno Le Scelte E Dalle Quali Si Rischia Di Essere Trascinati: Con Questa Mentalità Non Può Bastarci Che I "ragazzi" Giochino Allo Sfinimento Contro L'avversario Per Conto Loro Ma Dobbiamo Aspirare A Molto Di Più Ossia Condividere La Loro Sorte Pur Accompagnandoli Con Lo Sguardo Che Gettiamo Su Di Essi. D'altra Parte Uno Dei Valori Più Educativi Dello Sport E' La Condivisione (sono Anche Su Questo Contrariato Con Il Dott giordano), La Quale Ci Porta Ad Accettare Ciò Che, Appunto,  "condividiamo" Anche Solo Guardando : E "guardando" Si Scopre, Con Attenzione Condivisa, Prima Ancora Che Con Sintonia Di Stati D'animo, Che I Limiti In Difesa Sono Evidenti (che C'entra Il Cuore Quando In 25 Giornate Si Segnano 46 Goal E Se Ne Prendono 40 E Uno Dei Due Difensori Centrali (giordano si Intende Di Calcio E Quindi Lascio A Lui Indovinare Quale ...) Mostra Chiaramente Di Non Saper Fare La Diagonale E Zdeko Segna Con La Sola Opposizione Di Un "non Difensore" Che Gli Regala Una Quindicina Di Centimetri E Una Ventina Di Chili Mentre Salah, Il Più Veloce Giocatore In Campo Segna Trovandosi In Area Completamente Solo E Fermo, Senza Che Nessuno Esca Per Contrastarlo ?). Una Squadra Si Fa Nel Corso Degli Anni E Per Quest'anno I Giocatori Disponibili Erano In Attacco. L'anno Prossimo Auspichiamo Che Lo Siano Anche In Difesa. 
La Prima Cosa Che Condividiamo E' Quello Che Vediamo . Credo Che Il Presidente Faccia Bene A "non" Arrabbiarsi : Il Dato È Oggettivo. E Parlando Di Difensori, Nel Mio Umilissimo Recente Blog Ho Dedicato Una Sezione Al Toro (sono Ancora All'inizio) Che Nei Suoi Valori Sportivi Esprime Importanti Significati Educativi , La Prima Pagina L'ho Dedicata A Glick Ed Alla Lealtà Che Il Grande Kamil In Un Eroico Sassuolo Torino Di Qualche Tempo Addietro Ha Mostrato Ad Una Delle Mie Figlie Davanti Alla TV Dimostrando Come Si Possa Essere Contestualmente Leali Nei Confronti Dei Compagni E Corretti Verso L'arbitro Oltre Al Fatto Che Si Gioca Per Vincere Ma Non Conta Solo Vincere Se Abbiamo L'ambizione Che Lo Sport Entri Nella Nostra Vita Quotidiana . 
Come Dicevo All'inizio Occorre Maggiore Ambizione E, Quindi Accettare I Propri Limiti Altrimenti Rischiamo Di Avere Una Forza Senza Controllo E SenZa Identità Pur Essendo Una Delle Pochissime Squadre Ad Averne Una Così Profonda E Al Contempo Così Attuale. Per Costruire Di Nuovo Un Grande Toro Occorre Condividerlo, Adesso. Vi Ringrazio. Giuseppe Mazzotta

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa

e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie

- 8 maggio 2014

pdf icon

 

©giuseppemazzotta 2020  -  web master    logo accalia fatture