Sticky Top / Bottom Banners

Anche la Sicilia ha la sua piccola Greta

Premio Bambini Legge PropostaL’iniziativa

«Parchi e giornali per ragazzi» I progetti dei baby-senatori

Palazzo Madama, premiati i disegni di legge delle scuole

Paolo Foschi

ROMA Anche la Sicilia ha la sua piccola Greta: si chiama infatti proprio come l’ambientalista svedese la bambina della quinta elementare della scuola Amato di Santa Teresa di Riva, nel Messinese, che ieri insieme a un compagno ha ricevuto a Palazzo Madama il premio per il progetto «Compatti contro la plastica».

Si tratta di uno degli elaborati vincitori del concorso «Vorrei una legge che...» indetto dal Senato in collaborazione con il ministero dell’Istruzione. Alunni dell’ultimo anno delle primarie di tutta Italia sono stati chiamati a presentare progetti di legge, per permettere loro — come ha spiegato la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati — di scoprire «il percorso di genesi, discussione e approvazione» di un provvedimento in Parlamento.

Greta e i suoi compagni di classe hanno proposto di installare un compattatore per la plastica e le lattine di fronte a ogni scuola, per permettere di riciclare i rifiuti in risorse. La «legge» prevede anche che i cittadini siano muniti di card per registrare il conferimento di materiali per il riuso, assegnando un ecobonus spendibile in libri e materiale didattico.

I bambini della Oreste Battistella di Nervesa della Battaglia (Treviso) nella proposta «Diamo spazio al movimento», chiedono che ogni scuola disponga di un parco giochi attrezzato e di un numero maggiore di ore di attività fisica all’interno dell’orario scolastico. Gli alunni, è scritto nel testo, devono avere la possibilità di muoversi per almeno 30 minuti al giorno oltre al tempo della ricreazione, e chi frequenta il tempo pieno per almeno un’ora.

Non solo gioco. Non solo sport e movimento. Gli studenti della Aldo Moro di Tavernone sul Mella (Brescia) propongono che gli editori di quotidiani stampino un giornale su misura per i bambini e i ragazzi, allegato a quello per adulti, almeno due giorni alla settimana.

Spazio all’educazione civica e alla formazione alla legalità nell’elaborato dell’istituto Viola di Taranto, che ha suggerito l’istituzione del blog di informazione «Noi apprendisti cittadini», e nel lavoro della scuola Puccini di Pescaglia, Lucca, intitolato «Io Cittadino» e finalizzato a diffondere i valori della Costituzione fra i giovani attraverso l’uso dei social e di iniziative mirate. Spazio anche alla solidarietà, con il bellissimo progetto «Nonno, a te ci penso io» della Mazzini-Fermi di Avezzano: permetterlo a punto gli alunni hanno frequentato il vicino centro anziani. E poi hanno messo nero su bianco le proposte e le idee per supportare i nonni cominciando con il passare più tempo con loro.

Dal Corriere della sera di Martedì 4 Giugno 2019

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa

e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie

- 8 maggio 2014

pdf icon

 

©giuseppemazzotta 2019  -  web master    logo accalia fatture