Con parole precise

Con parole precise

«Non pensate a un elefante!», ingiunge George agli studenti di scienze cognitive all'Università di Berkeley. Nessuno è mai riuscito ad eseguire il compito. Se dico a qualcuno di non pensare a un elefante, l'unica cosa che può accadere è che questo qualcuno pensi immediatamente all'immagine del pachiderma.

Gianrico Carofiglio - Con parole Precise

However I felt didn’t get me or them anywhere

Joan Didion 01

Joan Didion

The legendary journalist and author of Let Me Tell You What I Mean on boredom, the Central Park Five and plans for Easter

LUCY FELDMAN

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Lucy Feldman è un caporedattore per TIME e sovrintende all'ampia copertura di libri e autori della rivista. Durante il suo mandato, Colson Whitehead e Margaret Atwood sono diventati i primi autori in un decennio ad apparire sulla copertina di TIME. In precedenza, ha ricoperto ruoli presso Vanity Fair e il Wall Street Journal, dove dirigeva il WSJ Book Club.

https://time.com/author/lucy-feldman/)

Didion’s new book collects essays on Nancy Reagan, Martha Stewart and the art of writing(PIETER M. VAN HATTEM—CONTOUR BY GETTY IMAGES)

 

________________________________________________________________________________________________

Didion Lucy Feldman 01A question that must be asked in these trying times: How are you feeling?

I feel fine. Slightly bored, but fine.

You once said that the bout with vertigo and nausea you had in the summer of 1968 was not an inappropriate response to that period. What’s an appropriate response to 2020?

Vertigo and nausea sound right.

You wrote two of the defining books on grief, The Year of Magical Thinking and Blue Nights. What would you say to the millions who have lost loved ones in the past year?

I don’t know. I don’t know that there’s anything to say.

Do you fear death?

No. Well, yes, of course.

Do you have hope?

Hope for what? Not particularly, no.

New York has completely changed since the pandemic hit. What do you miss most?

I miss having my friends to dinner. On the other hand, my wine bills have gone down.

Which feels more like home: New York or California?

Both.

What makes a better journalist: the ability to empathize, or the ability to observe with detachment? Which is your greater strength? I don’t know that I’m good at either.

What do you make of the old adage, write what you know?

I don’t make anything of it.

Do you ever reread your past writing? If so, what do you think?

Sometimes I do. Sometimes I think something is well done, sometimes I think, Whoops.

What does it mean to you to be called the voice of your generation?

I don’t have the slightest idea.

You famously wrote a piece in 1991 suggesting that the Central Park Five were wrongfully convicted. How did you feel when they were exonerated?

However I felt didn’t get me or them anywhere.

How does it feel to be a fashion icon?

I don’t know that I am one.

Is there anything you wish to achieve that you have not?

Figuring out how to work my television.

And what would you watch?

Aside from the news, nothing comes to mind. Documentaries, maybe. Some series.

What are you most looking forward to in 2021?

An Easter party, if it can be given.

 

HOWEVER I FELT DIDN’T GET ME OR THEM ANYWHERE’

 

 

https://www.theguardian.com/books/2011/nov/11/blue-nights-joan-didion-review

Blue Nights by Joan Didion – review

Joan Didion's memoir of the death of her daughter is troubling

Joan Didion with her daughter Quintana Roo Dunne at their Malibu home in 1976. Photograph: John Bryson/Time Life Pictures

oan Didion's The Year of Magical Thinking was a book that seemed to lend a certain credibility to a form – the memoir – that is sometimes regarded with suspicion, as a kind of sabbatical from the writerly duty to be interested in things other than oneself. On the contrary: The Year of Magical Thinking was instantly identified as a necessary book. An account of the year that followed the sudden death of Didion's husband of 40 years, the screenwriter John Gregory Dunne, it articulated a private experience – the experience of bereavement – for which it is difficult to find public expression. Blue Nights is a tragic kind of sequel to The Year of Magical Thinking, describing the subsequent death of Didion's daughter Quintana, aged only 39: where the earlier book drew its strength from the common well of suffering, the follow-up must grapple with the awful particularity of Didion's misfortunes.

Some of the best literary memoirs – Lorna Sage's Bad Blood, Mary McCarthy's Memories of a Catholic Girlhood, Paula Fox's Borrowed Finery – describe the author's survival of extreme or extraordinary circumstances. Others –The Year of Magical Thinking is one – document the effects on the author of events (in this case the death of a spouse) which, though difficult to bear, are universal and ordinary. The former might be said to be turning chaos into order, transforming or redeeming chaotic experience with the orderliness of the author's prose and the rational mind from which it issues; the latter begin with the proposition of order and proceed, through the honesty of their writing, to challenge and disrupt it. This is a delicate and difficult undertaking, for obvious reasons. To personalise common experiences is to assert a version of them with which others might not agree. The memoirist, while placing an unusual degree of trust in the reader, is also exposing herself to their judgment. She hopes to speak for everyone; she risks being ridiculed for speaking only for herself. Yet the very thing she is often exposing – as in Didion's case – is her vulnerability.

The memoir, being nominally a confessional form, has an interesting relationship to honesty; much like the confessional box itself, the question of whether disclosure is a need or a duty is obscured somewhere in the covenant between penitent and priest. The penitent is tired of harbouring her sins; she wishes to invoke the judgment that will free her from the truth she has told. But will she prize this freedom quite so highly if instead of forgiveness, damnation is the consequence of her honesty? The penitent wants to disburden herself, to get things off her chest. The memoir-writer may at the time not be sure why he or she wishes to place private material in the public domain, but perhaps – if "experience" can take the place of "sin" – it's for much the same reason.

The Year of Magical Thinking, published in 2005, was honest about numerous things: what it's like when someone you know and love dies right in front of you, what it's like to come home alone from the hospital and scrape the dinner you'd prepared for you both uneaten off the plates, what grief feels like, what trauma feels like. Didion's candour about these things was welcome, for in bereavement the public and private struggle to be reconciled: between mourning as public fact and mourning as private experience lies a gulf that Didion, as a writer, was able to navigate. The delineation of this uncharted space – between public and private, between what seems and what is – defines the moral core of memoir as a form. The book also had a strong streak of narcissism on which the reader, like the priest, was called to exercise forgiveness. "I wore a short white silk dress I had bought at Ransohoff's in San Francisco on the day John Kennedy was killed," Didion wrote, as a random instance, recalling her wedding day. The glamorising of her own experience, what might be called the sin of self-importance, risked undoing her achievement by alienating the "ordinary" reader on whose recognition and empathy the memoirist depends.

In The Year of Magical Thinking, the countless references to fame and social privilege have a second passport, as it were: they are an indelible aspect of the life Didion lived with her husband, and by enumerating them with such repetitive insistence she was also, in a sense, cataloguing the effects of her 40-year marriage. In Blue Nights they are, again, omnipresent, but the effect is altogether more troubling. Quintana died shortly after her own wedding and the death of her father, a series of events whose cruelty Didion has barely, by her own admission, managed to survive. "This book is called Blue Nights because at the time I began it I found my mind turning increasingly to illness, to the end of promise, the dwindling of the days, the inevitability of the fading, the dying of the brightness." These are sentiments with which the reader can only sympathise, yet the question of what kind of book can be made from them remains. The universality that was the basis of The Year of Magical Thinking no longer applies: losing a spouse is a common aspect of human experience; losing a child is not. The death of a child is unmitigated chaos: which writer could ever hope to exact order from it?

Didion's strategy, or rather her instinct – the instinctive response to chaos – is to repeat herself. She struggles to revive the form and style of her earlier book, to make it live again; she repeats anecdotes, and often sentences, word for word; she creates repeating prose patterns whose effect, in the end, is to confer the author's own numbness on the reader. What she cannot do is master her own material: instead of grieving with her, we are watching her grieve. This is a piteous and exposing process, and one which places a moral burden on the reader. And it is here that Didion's lack of humility comes back to haunt her, for by burdening the reader she is also making herself vulnerable to judgment. Early on, describing a set of photographs of Quintana as a child, she writes: "In a few she is wearing a cashmere turtleneck sweater I brought her from London when we went that May to do promotion for the European release of The Panic in Needle Park." What passed in The Year of Magical Thinking as the camaraderie of husband and wife becomes, at a stroke, something more disturbing – a kind of parental attention-seeking that again and again drives Didion's sentences away from their subject and back to herself. "Was I the problem?" she asks. "Was I always the problem?"

Blue Nights does contain an element of authenticity: Didion takes her time getting to it, but once there she is somewhat freed from the compulsive repetition and self-reference in which she has until now become increasingly entangled. It is the story of Quintana's birth family (she was adopted as a baby) and its members' attempts to contact her in adult life. Quintana's parents, after they gave her up for adoption, got married and had two further children. One of these children – Quintana's sister – tracked her down using the internet and a private detective, and Quintana, the privileged only child, was suddenly availed of a whole extended family in Dallas. "In Dallas these strangers had shown her snapshots, remarked on her resemblance to one or another cousin or aunt or grandparent, seemingly taken for granted that she had chosen by her presence to be one of them." Quintana struggled to cope with these revelations, and wrote to her birth mother and sister saying she needed time to adjust to them. "In reply she received a letter from her mother saying she did not want to be a burden and so had disconnected her telephone." When Quintana died, Didion notes drily, "her sister sent flowers".

This brief flaring of Didion's writerly power has its corollary in her admission of her own increasing physical and emotional fragility. Blue Nights is in a sense the manifestation of this fragility, the dwindling and fading of the artist's ability to create order out of the randomness and chaos of experience. Didion's portion of this chaos has been cruelly and unjustly large: it comes as no surprise that in the end, she should not be able to digest it all.

Rachel Cusk's The Last Supper is published by Faber.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Blue Nights di Joan Didion - recensione

Il ricordo di Joan Didion della morte di sua figlia è preoccupante

L'anno del pensiero magico di oan Didion era un libro che sembrava conferire una certa credibilità a una forma - il libro di memorie - che a volte è considerata con sospetto, come una sorta di anno sabbatico dal dovere dello scrittore di interessarsi a cose diverse da se stessi. Al contrario: The Year of Magical Thinking è stato immediatamente identificato come un libro necessario. Racconto dell'anno che seguì la morte improvvisa del marito di Didion di 40 anni, lo sceneggiatore John Gregory Dunne, articolava un'esperienza privata - l'esperienza del lutto - per la quale è difficile trovare espressione pubblica. Blue Nights è un tragico seguito di The Year of Magical Thinking, che descrive la successiva morte della figlia di Didion, Quintana, di soli 39 anni: dove il libro precedente traeva la sua forza dal pozzo comune della sofferenza, il seguito deve affrontare la terribile particolarità delle disgrazie di Didion.

Alcune delle migliori memorie letterarie - Bad Blood di Lorna Sage , Memories of a Catholic Girlhood di Mary McCarthy , Paula Fox's Borrowed Finery - descrivono la sopravvivenza dell'autore in circostanze estreme o straordinarie. Altri - L'anno del pensiero magicoè uno - documentare gli effetti sull'autore di eventi (in questo caso la morte del coniuge) che, sebbene difficili da sopportare, sono universali e ordinari. Si potrebbe dire che il primo trasforma il caos in ordine, trasforma o riscatta l'esperienza caotica con l'ordine della prosa dell'autore e la mente razionale da cui proviene; i secondi iniziano con la proposizione dell'ordine e procedono, attraverso l'onestà della loro scrittura, a sfidarla e interromperla. Questa è un'impresa delicata e difficile, per ovvie ragioni. Personalizzare le esperienze comuni significa asserire una versione di esse con la quale altri potrebbero non essere d'accordo. La memoirist, pur riponendo un insolito grado di fiducia nel lettore, si sta anche esponendo al loro giudizio. Spera di parlare per tutti; rischia di essere ridicolizzata per aver parlato solo per se stessa.

Il libro di memorie, essendo nominalmente una forma confessionale, ha un rapporto interessante con l'onestà; proprio come il confessionale stesso, la questione se la divulgazione sia una necessità o un dovere è oscurata da qualche parte nell'alleanza tra penitente e sacerdote. Il penitente è stanco di nutrire i suoi peccati; desidera invocare il giudizio che la libererà dalla verità che ha detto. Ma apprezzerà così tanto questa libertà se invece del perdono, la dannazione è la conseguenza della sua onestà? La penitente vuole sfogarsi, togliersi le cose dal petto. Lo scrittore di memorie potrebbe al momento non essere sicuro del motivo per cui desidera collocare il materiale privato nel pubblico dominio, ma forse - se "l'esperienza" può prendere il posto del "peccato" - è per lo stesso motivo.

L'anno del pensiero magico, pubblicato nel 2005, era onesto su numerose cose: com'è quando qualcuno che conosci e ami muore proprio di fronte a te, com'è tornare a casa da solo dall'ospedale e raschiare la cena che hai preparato per voi entrambi senza essere mangiati i piatti, come si sente il dolore, come si sente il trauma. Il candore di Didion su queste cose era ben accetto, perché nel lutto la lotta pubblica e privata deve essere riconciliata: tra il lutto come fatto pubblico e il lutto come esperienza privata c'è un abisso che Didion, come scrittore, è stato in grado di navigare. La delineazione di questo spazio inesplorato - tra pubblico e privato, tra ciò che sembra e ciò che è - definisce il nucleo morale del ricordo come una forma. Il libro aveva anche una forte vena di narcisismo su cui il lettore, come il prete, era chiamato a esercitare il perdono. "

In The Year of Magical Thinking , gli innumerevoli riferimenti alla fama e al privilegio sociale hanno un secondo passaporto, per così dire: sono un aspetto indelebile della vita che Didion ha vissuto con il marito, e enumerandoli con tanta ripetitiva insistenza è stata anche, in un certo senso, catalogare gli effetti dei suoi 40 anni di matrimonio. In Blue Nights sono, ancora una volta, onnipresenti, ma l'effetto è del tutto più preoccupante. Quintana morì poco dopo il proprio matrimonio e la morte di suo padre, una serie di eventi la cui crudeltà Didion è riuscita a malapena, per sua stessa ammissione, a sopravvivere. "Questo libro si chiama Blue Nightsperché nel momento in cui l'ho iniziato ho scoperto che la mia mente si rivolgeva sempre più alla malattia, alla fine della promessa, al declino dei giorni, all'inevitabilità dello sbiadimento, al morire della luminosità. "Questi sono sentimenti con cui il lettore può simpatizzare, ma resta la domanda su che tipo di libro si possa fare con loro L'universalità che era alla base dell'Anno del Pensiero Magico non vale più: perdere un coniuge è un aspetto comune dell'esperienza umana, perdere un figlio non lo è. La morte di un bambino è un caos assoluto: quale scrittore potrebbe mai sperare di ottenerne l'ordine?

La strategia di Didion, o meglio il suo istinto - la risposta istintiva al caos - è ripetersi. Si sforza di far rivivere la forma e lo stile del suo libro precedente, per farlo vivere di nuovo; ripete aneddoti, e spesso frasi, parola per parola; crea schemi di prosa ripetuti il ​​cui effetto, alla fine, è quello di conferire al lettore il torpore dell'autore. Quello che non può fare è padroneggiare il proprio materiale: invece di soffrire con lei, la stiamo guardando addolorarsi. Questo è un processo pietoso ed esponente, che pone un fardello morale sul lettore. Ed è qui che la mancanza di umiltà di Didion torna a perseguitarla, poiché gravando sul lettore si rende anche vulnerabile al giudizio. All'inizio, descrivendo una serie di fotografie di Quintana da bambina, scrive: "The Panic in Needle Park . "Quello che è passato in The Year of Magical Thinking come cameratismo di marito e moglie diventa, in un colpo solo, qualcosa di più inquietante - una sorta di ricerca dell'attenzione dei genitori che allontana continuamente le frasi di Didion dal loro soggetto e torna a se stessa: "Ero io il problema?", chiede. "Sono sempre stato il problema?"

Blue Nightscontiene un elemento di autenticità: Didion si prende il tempo di arrivarci, ma una volta lì si è in qualche modo liberata dalla ripetizione compulsiva e dall'autoreferenzialità in cui è rimasta sempre più invischiata. È la storia della famiglia di nascita di Quintana (è stata adottata da piccola) e dei tentativi dei suoi membri di contattarla nella vita adulta. I genitori di Quintana, dopo averla data in adozione, si sono sposati e hanno avuto altri due figli. Uno di questi bambini - la sorella di Quintana - l'ha rintracciata usando Internet e un investigatore privato, e Quintana, l'unica figlia privilegiata, è stata improvvisamente avvalsa di un'intera famiglia allargata a Dallas. "A Dallas questi sconosciuti avevano mostrato le sue istantanee, sottolineato la sua somiglianza con l'uno o l'altro cugino, zia o nonno,

Questa breve esplosione del potere letterario di Didion ha il suo corollario nella sua ammissione della propria crescente fragilità fisica ed emotiva. Blue Nights è in un certo senso la manifestazione di questa fragilità, la diminuzione e lo sbiadimento della capacità dell'artista di creare ordine dalla casualità e dal caos dell'esperienza. La porzione di Didion di questo caos è stata crudelmente e ingiustamente grande: non sorprende che alla fine non sia riuscita a digerire tutto.

The Last Supper di Rachel Cusk è pubblicato da Faber.

Chi ha inventato la Banca Etica?

Monte Di Pietà BresciaL’ANALISI

La pandemia rende chiaro, come già in altre fasi epocali, che l’economia non va demonizzata, ma convertita

Ecco perché alle banche serve una vera santità laica

Le grandi crisi sono sempre processi di 'distruzione creatrice'. Fanno cadere cose che fino a ieri sembravano incrollabili, e dalle ceneri fanno sorgere delle novità, prima impensabili. Lungo la storia i grandi cambiamenti istituzionali sono stati generati quasi sempre da dolori collettivi, da enormi ferite sociali che hanno saputo far nascere, qualche volta, anche una benedizione. Le guerre di religione tra cattolici e protestanti diedero vita nel Seicento alle Borse valori e alle Banche centrali in molti Paesi europei. La stessa fede cristiana non era più sufficiente a garantire gli scambi commerciali e finanziari in Europa. Occorreva allora creare una nuova fede e una nuova fiducia (fides), che fu offerta da nuove istituzioni economiche e finanziarie da cui fiorì il capitalismo. Nella seconda metà dell’Ottocento la rivoluzione industriale creò una grave crisi del credito: cattolici e socialisti risposero dando vita a banche rurali, banche cooperative e casse di risparmio. Nel Novecento le guerre mondiali ci hanno lasciato in eredità nuove innovazioni politiche e istituzionali (dalla Comunità Europea all’Onu), ma anche nuove istituzioni finanziarie (Bretton Woods). Come se soltanto nel grande dolore gli uomini fossero capaci, in quella notte, di guardare insieme e più in alto, sino a vedere, finalmente, le stelle.

Monasteri FrancescaniDopo il crollo dell’Impero romano i monasteri furono anche un evento economico. Mentre un mondo e una economia finivano, un nuovo mondo e una nuova oikonomiasi riedificavano dentro le mura delle abbazie: ora et labora. Quegli edificatori della nuova Europa capirono che non si sarebbe risorti senza resuscitare anche il lavoro e l’economia. E così, mentre salvavano i manoscritti di Cicerone e Isaia, salvavano anche antichi conii di monete, tecniche contabili, codici commerciali, statuti mercantili, e soprattutto fecero dei monasteri una rete europea di hub dove si svilupparono fiere, commerci, scambi, perché lì era custodita e alimentata la fides-fiducia. Dal Vangelo i monaci avevano capito che l’economia era troppo importante per la vita, e se non è messa al servizio della vita diventa essa padrona della vita. E se ne occuparono.

Nel Quattrocento, poi, il movimento francescano generò i Monti di Pietà, in uno degli episodi più interessanti e straordinari della storia economica europea, sebbene largamente sottovalutato e frainteso. I Monti di Pietà furono istituzioni decisive per le città italiane, per i poveri, per le famiglie e per l’economia nel suo insieme. Nascevano dalla predicazione, infaticabile, dei Frati minori osservanti, che a partire dalla metà del Quattrocento ne fondarono centinaia, soprattutto nel Centro e nel Nord Italia. Le città si stavano sviluppando e arricchendo, ma, come spesso accade, l’arricchimento di alcuni (i borghesi) non portava con sé la riduzione delle povertà bensì l’aumento. I francescani capirono che c’era un nuovo volto di 'madonna povertà' da amare, e senza indugio fecero nascere nuove banche, una nuova finanza che raggiungesse gli esclusi. E fecero qualcosa di sbalorditivo, che solo un carisma immenso come quello di Francesco poteva generare. Le banche, ieri molto più di oggi, erano icona dello 'sterco del demonio', erano i 'templi di mammona' immagine della lupa dell’avarizia. Francesco iniziò la sua storia dicendo 'no' a quel mondo del denaro, il no più radicale che si potesse immaginare e che sia stato mai immaginato in Europa. Le banche del tempo prestavano ai ricchi, e i poveri finivano spesso nelle mani degli usurai. La lotta all’usura fu la ragione della nascita dei Monti di Pietà.Banca Italia Bernardino da Feltre, Giacomo della Marca, Giovanni da Capestrano, Domenico da Leonessa, Marco da Montegallo e molti altri frati fecero della fondazione dei Monti la loro principale opera – alla fondazione del Monte di Firenze contribuì anche Savonarola. Fino al 1515 si contano sessantasei frati minori promotori di Monti di Pietà. Alcuni sono stati proclamati santi o beati. È stupendo che al centro dell’effigie di questi santi (ho recuperato personalmente quelle di Bernardino da Feltre e di Marco da Montegallo) ci fosse proprio il Monte di Pietà. Il simbolo di quella perfezione cristiana era proprio una banca, che da icona del peccato mortale diventava simbolo di santità cristiana. Come l’eucarestia, come i sacramenti, come il vangelo. Una laicità tutta biblica e evangelica, che abbiamo in buona parte perso con la modernità, e che lascia ancora senza fiato tutti coloro che (come me) credono che ci sono poche cose più 'spirituali' della partita doppia e di un cantiere di lavoro. Bernardino chiamava il Monte di Pietà: Monte di Dio: «Chi aiuta uno fa bene, chi due meglio, chi molti meglio ancora. Il Monte aiuta molti. Se dai denaro a un povero perché si compri il pane o un paio di scarpe, quando egli avrà speso il denaro, tutto è finito. Ma se quel denaro lo consegni al Monte aiuti più persone... Costruire chiese, comperare messali, calici, paramenti per le messe, è cosa santa, ma offrire denaro al Monte è più santo ancora. Non spendere denaro in pietre e calce, in chiese, perché tutto andrà in fumo, ma in ciò che non va perduto, cioè dando a Cristo nei poveri» (Sermoni di Bernardino da Feltre, vol. II). La nascita dei Monti è stato uno dei paradossi più affascinanti e generativi della storia europea. La spoliazione di Francesco, la sua rinuncia totale all’economia di suo padre Bernardone, il 'nulla possedere' e il 'sine proprio' generarono due secoli dopo delle banche. E vere banche erano, non istituti di beneficenza, tanto che la fondazione del primo banco di Ascoli Piceno nel 1458, in seguito alla predicazione di Marco da Montegallo, non è considerato da alcuni un vero e proprio Monte proprio per la mancanza del pagamento di un interesse sul prestito.

Il tema dell’interesse sul prestito è infatti centrale. Bernardino da Feltre fu il grande fautore della necessità della non totale grauità del prestito; o meglio, della tesi che perché la gratuità che animava la nascita del Monte potesse durare ed essere sostenibile era necessario pagare un interesse, sebbene il più basso possibile. La sua non fu una battaglia facile, perché ebbe come oppositori teologi e giuristi (molti domenicani) che accusavano i Monti di usura, proprio per il pagamento di un interesse maggiore di zero. Così sempre nei suoi Sermoni risponde Bernardino: «Considerata la cupidigia degli uomini e la poca carità, è meglio che chi ricorre al Monte paghi qualche cosa e sia servito bene, piuttosto che senza nulla pagare sia servito male. Vuoi essere servito male? Non pagare. In questo chi ha più esperienza di noi frati? Viene uno al convento, si presenta al portinaio e gli dice: sono disposto a lavorare il vostro orto gratuitamente. Va, e poco dopo chiede colazione. È giustoQuindi, in nome della gratuità, molti teologi di fatto impedivano la nascita dei Monti o la contestavano pubblicamente, come nel caso della fondazione del Monte di Mantova nel 1496. È questa una delle più importanti e convincenti dimostrazioni della differenza tra la gratuità e il gratis: un contratto, con il necessario pagamento, può contenere più charis (gratuità) di un atto di pura liberalità. La gratuità qui non coincide con il dono. La gratuità del Monte si esprimeva in molte altre cose: prestare a lungo termine (e non richiedere indietro il prestito entro un mese o una settimana, come facevano gli usurai), chiedere un tasso che coprisse solo le spese, prestare solo per reali necessità, se il mutuatario non riusciva a riscattare il pegno percepiva il di più che il Monte otteneva dalla vendita, prestavano possibilmente a tutti. Erano istituzioni senza scopo di lucro, o sine merito. Bernardino distingueva l’interesse che nasceva dal prestito (sbagliato) dall’interesse per il prestito (per consentire l’esistenza del Monte). In nome della pura gratuità alcuni Monti o non partirono affatto, o finirono in bancarotta presto o divennero proprietà di alcuni ricchi mercanti che mettendo il capitale per coprire le spese di gestione da bene di comunità lo trasformarono in bene privato.

Infine, impressionante è una tecnica retorica di quei frati minori, usata soprattutto da Marco da Montegallo. Per mostrare la gravità del prestare il denaro agli usurai, il beato confrontava il bene che si faceva prestando al Monte con la spropositata ricchezza che gli usurai ricavavano investendo quella stessa somma. Scriveva nella sua 'Tabula della salute': «È da sapere che cento ducati dati a trenta per cento l’anno, dopo cinquanta anni li detti cento ducati che furono il primo capitale, tra interessi et capitale montano e sommano: 49.750.556,7 ducati». Una somma enorme, frutto di anatocismo (interessi sugli interessi), che doveva colpire molto la fantasia dei suoi uditori - e la nostra. E convincerli. Quei francescani risposero così alla grave crisi del loro tempo, dando vita a nuove istituzioni bancarie. Lo fecero perché conoscevano i bisogni veri della gente, e quindi capirono che nelle grandi crisi occorre riformare l’economia e la finanza, e non solo temerle, facendo banche nuove, non solo criticando le vecchie.

Oggi siamo nel mezzo di una crisi mondiale di dimensioni non diverse dalle grandi crisi dei secoli passati. Serviranno nuove istituzioni, anche finanziarie e assicurative, capaci di gestire il durante e il dopo - Covid, che lascerà il mondo ancora più diseguale, con poveri ancora più poveri. Mentre pensiamo a queste novità, quell’antica creazione dei Monti ha delle importanti lezioni da darci. La prima riguarda la natura stessa dell’economia e della finanza. Le banche e il denaro sono creazioni umane, sono vita, non vanno demonizzate, perché se le demonizziamo diventano veramente demoni. Vanno trattate come si tratta la vita. Di fronte a una finanza che aumenta la povertà si può e si deve rispondere creando un’altra finanza che le riduce. Infine, questa splendida storia francescana ci suggerisce che anche oggi è probabile che i nuovi Monti di Pietà, certamente molto diversi da quelli del Quattrocento, non nasceranno dai ricchi mercanti e dai banchieri for - profit (che erano, sempre, i primi nemici delle fondazioni dei Monti), ma da chi conosce i poveri, li stima, li ama, perché ha ricevuto un carisma. Non necessariamente dai poveri, ma certamente dagli amici dei poveri. I frati non erano i proprietari dei Monti, erano solo i promotori, gli attivatori dei processi di creazione di quelle banche. Servono oggi nuovi 'francescani', conoscitori e amanti dei poveri, che invece di maledire l’economia e la finanza, ne facciano, semplicemente, una diversa. Una nuova santità laica, nuove 'effigi' con al centro imprese e banche.

Luigino Bruni

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La grande lezione della fondazione dei Monti di pietà ci dice oggi che non usciremo migliori da questa crisi se non daremo vita a nuove istituzioni, anche finanziarie

La nascita dei Monti, promossa dai frati, è stato uno dei paradossi più affascinanti e generativi della storia europea

__________________________________________________

Da Avvenire del 08 novembre 2018

Il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale architrave di ogni società che voglia dirsi pienamente umana (Mauro Barsi)

Mauro BarsiDomenica 27 ottobre alla SS. Annunziata a Firenze c'è stata la festa di Agata Smeralda, con il cardinale Giuseppe Betori. Il presidente Mauro Barsi ha tracciato un bilancio dell'anno passato e dell'attività svolta fino ad oggi.

 

Mauro Barsi Agata Smeralda

 

Carissimo Mauro come dici tu “sempre avanti!”

 

https://www.youtube.com/watch?v=LR14mjaJUO4#action=share Mauro Barsi Agata Smeralda Onlus

Il tempo è ciò che ne facciamo

ALESSANDRO ZACCURI

Thomas Girst Il TempoTre figli ancora piccoli, un lavoro che lo impegna cinquanta ore alla settimana, quattro insegnamenti universitari sparsi per l’Europa e, oltre a tutto questo, la scrittura di saggi, articoli e libri. L’elenco delle attività in cui è coinvolto aiuta a capire quanto, per Thomas Girst, il tempo sia davvero una questione personale. Manager culturale di Bmw dal 2003, l’autore tedesco ha presentato ieri a Ivrea, nell’ambito del festival 'La Grande Invasione', Tutto il tempo del mondo (add, traduzione di Daniela Idra. Pagine 192. Euro 16), una riflessione nella quale confluiscono racconti dal vero, dati delle più recenti ricerche scientifiche, aneddoti e ricordi. Con un unico obiettivo: cercare di comprendere come mai il tempo sembra non bastarci più, non bastarci mai. «In realtà - avverte Girst - il tempo è sempre ciò che ne facciamo».

Dovremmo imparare a usarlo meglio?

Chi si lamenta per la mancanza di tempo soffre di scarsa autoconsiderazione, di incertezza. Non sa che cosa vuol fare, né che cosa si sente in dovere di fare. Ma ciascuno di noi ha una vocazione ed è tenuto a realizzarla per quanto gli è possibile. Intelligenza, idee e visione d’insieme non contano nulla in confronto alla perseveranza necessaria per portare a termine un simile compito. Questo, almeno, è quanto sosteneva Steve Jobs.

Sì, però è percezione comune che il mondo vada sempre più di fretta.

La Terra ha ruotato su sé stessa alla medesima velocità per cinque miliardi di anni prima che gli esseri umani la trasformassero nell’habitat confortevole che ora stiamo distruggendo. Una volta che si riesce a comprendere e ad accettare che questo pianeta è l’astronave con cui viaggiamo nel cosmo, occorre tenere a mente l’avvertimento di Marshall McLuhan: «Sulla nave spaziale Terra non ci sono passeggeri. Siamo tutti parte della ciurma». Impariamo molto presto ad amare la velocità: dal momento in cui impariamo a camminare e a correre, direi, e dall’istante in cui in nostri genitori ci prendono per mano e ci fanno ruotare in aria. Nell’accelerazione e nella velocità non c’è nulla di sbagliato, almeno finché non mette in pericolo le nostre vite. La virtù da coltivare è la consapevolezza o, meglio, quella che oggi chiamiamo mindfulness.

Nel libro lei però rivendica anche l’importanza della lentezza nei processi creativi: come stabilire un accordofra queste due istanze?

La ricerca dell’equilibrio interiore è un elemento fondamentale, così come lo è l’esperienza personale di ciascuno. Più scaviamo in noi stessi, trovando il coraggio di esplorare il nostro paesaggio interiore, più facilmente individuiamo la misura che ci appartiene. Siamo noi stessi a tenere in pugno le chiavi di questa armonia, come ci ha insegnato santa Teresa d’Avila.

C’è chi sostiene che la tecnologia ci sottragga molto del tempo che dovrebbe farci risparmiare. Lei che ne pensa?

Penso che la tecnologia, non diversamente dalla carta o da una forchetta, possa essere buona o cattiva. Nelle società occidentali la tecnologia dei social media è uno strumento straordinario, che può semplificare la vita, favorire e rafforzare la democrazia in termini di accesso alle informazioni e ai servizi e quindi, sì, liberare molto tempo da impiegare in altri modi. Detto questo, accade troppo spesso che le grandi aziende della Silicon Valley introducano algoritmi che hanno il compito di distrarre gli utenti. La monetizzazione della scoperta fortuita (la cosiddetta serendipity) è uno dei peggiori espedienti di cui il turbocapitalismo si è dimostrato capace. E la sorveglianza attuata per via tecnologica rischia di spianare la strada alle più spietate violazioni dei diritti umani, come sta accadendo nella regione cinese dello Xinjiang con la detenzione illegale di oltre un milione di uiguri.

Di tempo si è parlato molto anche durante il lockdown: che cosa potremmo imparare dalla pandemia?

Sinceramente, considero una fortuna il fatto che questo libro sia uscito in Germania un anno prima della tragedia della Covid-19. Sono un ottimista e, di conseguenza, sono molto riconoscente per non essere stato colpito da perdite irreparabili. Credo che abbia ragione Yuval Noah Harari, quando sostiene che il coronavirus può portarci a dare il meglio di noi stessi. In piena emergenza Arundhati Roy ha scritto che la pandemia è come un portale attraverso il quale non si ritorna affatto alla normalità, comunque la si voglia intendere, né alle ingiustizie, agli orrori, alle terribili sofferenze che gli esseri umani continuano a infliggersi. Al contrario, questo portale va varcato per entrare in un mondo migliore, in vista del quale dobbiamo essere disposti a combattere tutti insieme.

InTutto il tempo del mondolei rievoca molti episodi storici. Qual è il suo preferito?

Il capitolo che amo di più è quello in cui racconto del postino Ferdinand Cheval, che tra il 1879 e il 1912 costruì da solo il suo 'palazzo ideale'. Nel 2015 ho noleggiato un’auto a Marsiglia e mi sono diretto a Hauterives, nel sud-est della Francia, per visitare questo Palais Idéal che avevo sempre voluto visitare e del quale intendevo scrivere nel libro. Ma ci sono così tante storie che si fanno avanti non appena si cominciano a fare ricerche su un determinato argomento o anche solo a parlarne con gli amici.

Nel libro ci sono anche molti riferimenti alla religione: come mai?

Ho descritto processioni e chiese, è vero, e mi sono soffermato sulla musica di Bach, che è quanto di più vicino alla percezione della presenza di Dio si possa avere sulla terra. Penso che dipenda dal fatto che ho frequentato una scuola cattolica e che sono stato chierichetto per più di dieci anni. Tutto questo ha significato molto nella mia vita.

E i suoi molti impegni attuali?

Non me ne faccio un vanto e non me ne lamento. L’esistenza diventa molto noiosa se non ci si spinge mai fuori dai dintorni di noi stessi, se non ci si avventura ai limiti del possibile. La vita non è un tentativo, non è una prova come a teatro. Non possiamo permetterci di spendere giornate intere o addirittura intere settimane senza fare nulla. La mia principale occupazione quotidiana consiste nel coltivare il dubbio e nell’evitare di prendermi troppo sul serio. Gli impegni ci sono, è vero, ma rappresentano un ostacolo superabile, indipendentemente dalle condizioni in cui ci troviamo. Io, per esempio, ho imparato a scrivere i miei libri sfruttando principalmente i viaggi aerei sulle lunghe distanze. Bisogna concentrarsi sulle proprie passioni: è questo che rende bella la vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

A colloquio col saggista tedesco e manager culturale della Bmw sulle lancette che corrono e sembrano togliere spazio alle nostre esistenze «Ognuno ha una vocazione ed è tenuto a realizzarla Non ci possiamo permettere di spendere giornate senza fare nulla»

_________________________________

Da Avvenire del 29 agosto 2020

Così i giovani sognano gli adulti testimoni credibili e in ascolto

UN’AGENDA DOPO IL SINODO / 9

Nella 'Christus vivit' il Papa ridisegna i ruoli. Con più reciprocità e comprensione

Così i giovani sognano gli adulti testimoni credibili e in ascolto

Giovani Adulti 01Le gerarchie ormai si sono indebolite, i ragazzi costituiscono una costante provocazione al confronto e all’apertura, spazzando via molte formalità

ALESSANDRA SMERILLI SERGIO MASSIRONI

Chi è l’adulto? Participio passato del verbo adolescere, è sinonimo di 'cresciuto': in quasi tutte le culture è apparso desiderabile giungere a una reale maturità, e così il passaggio verso il mondo delle responsabilità è stato ritualizzato in una festa. Invece sono in molti a rilevare come oggi, almeno in Occidente, essenziale sia rimanere o ritornare giovani, se possibile per tutta la vita. A livello antropologico si tratta di una deregulation senza precedenti. Non è più definito che cosa sia proprio di ogni generazione e ciò che ci si debba aspettare dalle diverse età. Ognuno può prendersi il ruolo dell’altro. Le possibilità di ciascuno si moltiplicano, così come una competizione in cui chiunque può rivelarsi avversario. Per il cristianesimo si tratta dell’implosione di un rapporto tra le generazioni apparentemente imprescindibile per la trasmissione della fede: in famiglia e poi in comunità gerarchicamente strutturate i grandi educano i piccoli alla vita, introducendo a un ordine spirituale che si vorrebbe riflesso in quello sociale. Sebbene in qualche angolo del pianeta sembri funzionare ancora, internet materializza ovunque lo scardinamento di quel modello, connettendo ormai 'orizzontalmente' ragazzi e adulti a ogni latitudine, senza distinzione di ruoli e identità. Non deve dunque sorprendere che, in ambito cattolico, persino il Sinodo dei vescovi si orienti a non concepire più i giovani semplicemente come 'destinatari' della fede: non c’è semplicemente un messaggio da trasmettere da chi sa a chi non sa, ma un’esigenza continua di convertirsi insieme alla novità del Vangelo. Potremmo allora legittimamente chiederci: i giovani hanno ancora bisogno degli adulti? In che cosa possiamo aiutarli? Come ci interpella questo tempo? Ci sono questioni che investono la fede stessa in cui i millennials stanno evidentemente facendo da apripista e come da enzimi nel corpo sociale. Intensa, ad esempio, è generalmente la loro sensibilità per la cura della casa comune, nelle sfide che riguardano il rispetto per il creato e la necessità di cambiamento nei nostri comportamenti quotidiani. Durante un incontro sul rapporto tra economia e ambiente, ad esempio, un ragazzino di 12 anni interviene raccontando a tutti che quest’anno in quaresima ha vissuto il digiuno dalla plastica. Alla domanda: «Ma cosa vuol dire?», così risponde: «Ogni sabato vado a fare la spesa con mia mamma e vigilo su come fa gli acquisti, chiedendole con insistenza di limitare la plastica, in modo da scegliere confezioni ecologiche e materiali riciclabili». D’altra parte, gli Giovani Adulti 02adolescenti che fanno notare al loro prete come i foglietti della preghiera avrebbero potuto esser stampati fronte – retro e su carta riciclata sono gli stessi che vanno sollecitati con un certo vigore affinché non trasformino in una discarica lo scenario alpino in cui stanno pranzando al sacco. L’adulto, insomma, rimane determinante a strutturare in habitus ciò da cui mente e cuore sono attratti, favorendo e accompagnando il passaggio dall’entusiasmo a convinzioni che muovono poi i comportamenti reali. Il punto, forse, è riconoscere la circolarità delle sollecitazioni: anche dal più piccolo, sempre più spesso, si è messi in questione e chiamati a crescere ancora. In questo il contesto contemporaneo si dimostra realmente nuovo. Più si trascorre tempo incontrando i ragazzi e i giovani del nostro Paese, più ci si rende conto che verso i loro adulti di riferimento essi costituiscono una costante provocazione al confronto e all’apertura. Dove le gerarchie si sono indebolite e i ruoli sono diventati sempre più interscambiabili, la sostanza delle parole e dei comportamenti è la vera questione. In questo, spazzando via molte formalità, i giovani esercitano a propria volta una propria maieutica, che chiede a chi li ha preceduti di venire nuovamente o maggiormente alla luce. Durante una conferenza sui temi della finanza due adolescenti si stavano dimostrando attentissimi. Erano collaboratori di Radio Immaginaria, un network dei ragazzi. Dialogando con loro a margine dei lavori arrivano importanti domande: «Che cosa possiamo dire ai nostri genitori per convincerli ad essere più consapevoli di come usano il denaro? Come possiamo far capire loro che non possono lamentarsi di un mondo che non funziona, se poi loro stessi con le loro scelte contribuiscono a farlo andare così? Si dice che noi giovani non siamo interessati ai grandi temi, per esempio all’economia e della finanza, ma quanto dipende dal modo in cui ci vengono trasmessi?». Domande a degli adulti, sugli adulti: l’incontro tra generazioni rimane quindi imprescindibile, a condizione che includa l’interlocutore e divenga uno scambio. In realtà, il cambiamento d’epoca ci riconduce così ai fondamentali dell’educazione. Adulto è chi si assume la responsabilità di ciò che dice e di ciò che fa, del mondo così come è configurato, della sua bellezza e delle sue miserie. Sa di non sapere, riconosce il proprio potere e i suoi limiti: quelli strutturali, ma anche quelli necessari a dare agli altri spazio e respiro. Fragile, limitato, in movimento, l’adulto fa una proposta, si posiziona, si colloca con un carattere proprio nella complessità. È il contrario del bambino che scalpita, si gonfia e grida pretendendo di esser tutto e di ottenere tutto. Non è rigido, perché della realtà conosce le sfumature e l’instabilità: la sua coerenza non è ostentazione di principi, ma duttilità e costanza, partecipazione ai problemi altrui, affidabilità. Di fronte alle domande dei giovani, l’esortazione Christus Vivit (CV) di papa Francesco lancia un appello alla Chiesa che per essere credibile ai loro occhi «a volte ha bisogno di recuperare l’umiltà e semplicemente ascoltare, riconoscere in ciò che altri dicono una luce che la può aiutare a scoprire meglio il Vangelo. Una Chiesa sulla difensiva, che dimentica l’umiltà, che smette di ascoltare, che non si lascia mettere in discussione, perde la giovinezza e si trasforma in un museo. Come potrà accogliere così i sogni dei giovani?» (n. 41).

Giovani Adulti 03La prima generazione del nuovo millennio non vuole fare a meno o liberarsi di noi adulti, anzi. Il punto è che molte volte non riusciamo a interagire, perché le aspettative reciproche non si incrociano. Vorremmo che fossero pronti ad ascoltare quello che abbiamo da dire e da trasmettere e loro si aspettano, piuttosto, di trovarsi davanti a persone che li comprendano, che li guardino con fiducia e che li sollecitino nelle loro potenzialità e nel superamento di difficoltà e disagi. È capitato durante una lezione con diverse classi di licei e di istituti tecnici di Matera. Ci eravamo preparati, volevamo dare il meglio di noi; abbiamo cercato di arrivare con una presentazione ben fatta e accattivante; rischiavamo di parlare troppo. Fino a quando una insegnante ha chiesto la parola: possiamo mostrarvi quel che abbiamo realizzato noi? I ragazzi hanno cominciato, allora, a condividere la loro preparazione al nostro evento: in modo più originale e innovativo si sono fatti portavoce, gli uni verso gli altri, dei principali messaggi che noi adulti intendevamo trasmettere. E allora, perché chiamare dei relatori? La risposta non ha tardato a venire, con un momento di dialogo insieme ai ragazzi. Domande precise, puntuali, profonde: chiedevano una testimonianza credibile, aiuto, speranza e racconti di vita. «Siamo chiamati a investire sulla loro audacia ed educarli ad assumersi le loro responsabilità» (DF 70): a questo ci richiama il Sinodo. «Si tratta prima di tutto di non porre tanti ostacoli, norme, controlli e inquadramenti obbligatori a quei giovani credenti che sono leader naturali nei quartieri e nei diversi ambienti. Dobbiamo limitarci ad accompagnarli e stimolarli, confidando un po’ di più nella fantasia dello Spirito Santo che agisce come vuole» (CV230).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

In alcune questioni che investono la fede, come il rispetto del Creato e la cura della casa comune, i Millennials stanno facendo da apripista. Ora dobbiamo lasciarci interpellare da loro Non c’è più un messaggio da trasmettere tra generazioni, ma un’esigenza di convertirsi insieme alla novità del Vangelo

______________________________

Da Avvenire del 13 agosto 2019

Mauri, l’insostenibile vacuità di Re Lear

MICHELE SCIANCALEPORE

Sito Blog Re Lear 01C’era una volta un Re che aveva tre figliole e voleva sapere quale di loro l’amasse di più. Sembra l’incipit di una fiaba sentimentale. In realtà è l’inizio di un funesto dramma elisabettiano che parte da un attacco di vanità per finire nella più assoluta e disgregante vacuità. Infatti il monarca in questione pretende di quantificare e valutare l’amore filiale in base alla pomposità degli orpelli verbali delle dichiarazioni delle figlie così poi da abdicare, dividere il reame e distribuirlo in parti direttamente proporzionali all’ars retorica delle tre discendenti, due delle quali faranno a gara a chi formalizza le più iperboliche e ampollose esternazioni d’amore, mentre la terza si rifiuterà di partecipare all’ipocrita tenzone e dirà: «Niente!». Lei sarà pertanto ripudiata e cacciata perché «niente nasce dal niente», sentenzia il regale padre ferito nel suo narcisistico affetto; mentre le altre due sorelle si spartiranno l’eredità tutta. Il re si illuderà poi di poter trascorrere la sua avanzata terza età coccolato e vezzeggiato a turno dalle due figlie a parole amorevoli e accoglienti ma in realtà ben presto pronte a disfarsi di un così lunatico peso che quindi si ritroverà solo e in compagnia della propria disperazione, impazzirà, tardi si ravvederà e amaramente si pentirà prima di morire di dolore dopo aver visto perire l’unica figlia che l’amava davvero, quella parca di parole ma schietta di cuore.

Ma chi può essere così insulso e pazzo da avanzare una tale astrusa e infantile richiesta, smembrare in questo modo così capriccioso e irrazionale un regno, svilire la propria autorevolezza e immiserire la propria vecchiaia? C’è un solo personaggio in grado di compiere una siffatta matta, sciagurata premessa alla disfatta: l’anziano protagonista della più rovinosa e ineluttabile delle tragedie shakespeariane, King Lear dove tutto è definitivamente nero e funereo e in cui si celebra il morire in tutte le sue declinazioni e involuzioni. A partire dalla vecchiaia qui sinonimo di stoltezza e contrario di sapienza: «Non dovevi diventare vecchio prima di diventare saggio», dirà con una battuta fulminante il fool a Lear ormai demente e depotenziato di ogni virtù. Ma la decadenza fisica, morale, sociale, relazionale, lo sfacelo, il senso di finitudine, fragilità e decrepitudine investe non solo l’anziano re ma in pratica tutti i personaggi, in primis il Conte di Gloucester, il quale anche lui si scaglia empiamente contro il figlio buono ingannato dall’altro figlio illegittimo. Persino la parola è svuotata, un involucro sterile e falso sulla bocca di Goneril e Regan, le due loquaci figlie o un “logos” che non può avere più veritiera forma come dimostra l’afasia dell’onesta Cordelia. Quindi per sostenere in teatro l’insostenibile vacuità di Re Lear ci vuole una buona dose di incoscienza oppure bisogna essere Glauco Mauri il quale, dopo aver già sopportato quest’onere interpretativo nel 1984 e nel 1999, ha debuttato al Teatro della Pergola di Firenze e ha affermato: «Questa è la volta giusta perché Re Lear dovrebbe avere più di 80 anni e io ne ho 89».

Sito Blog Re Lear 02Al di là del dato anagrafico c’è un’altra coincidenza e sintonia molto più profonda che permette all’artista pesarese di comunicare una verità interpretativa di inusitata bellezza: la compassione, nel senso autentico di saper soffrire all’unisono col personaggio. Le fragilità, le meschinità, le sofferenze, i limiti fisici, mentali e morali di Lear sono vissuti da Mauri con un’empatia tale da creare un apparente paradosso: leggerezza nella gravità. I toni sono infatti spesso flebili, i movimenti limitati e controllati, certo per ragioni di età, ma anche per trasformare in strazio interiore l’urlo e il furore di almeno due delle scene che richiederebbero un violento dispendio di energie, la tempesta con la furia della natura e del senno e il finale con l’agnizione della morte di Cordelia. Lineare, chiara ma non superficiale è anche la regia di Andrea Baracco come sempre ricco di idee che valorizzano le peculiarità immaginifiche del teatro. Questo allestimento, che dopo Firenze sarà dal 21 gennaio al 2 febbraio al Teatro Eliseo di Roma, colpisce dal punto di vista scenografico per la grande cubitale scritta «King Lear» che sovrasta ingombrante e mutevole come il carattere del suo protagonista, così come imponente era l’enorme mantello con cui Mauri - Lear entrava in scena nello spettacolo del 1999. L’impostazione registica di Baracco mira argutamente alla semplicità e all’evocazione simbolica con la divisione del palco in due duttili spazi principali uno sopra l’altro e una mega - corona che prevedibilmente ma efficacemente viene fatta calare alla fine dall’alto e ingabbia l’unico superstite della tragedia mentre immagini di sgretolamento vengono proiettate sottolineando un po’ pleonasticamente l’idea di una «terra desolata».  Re Lear è uno spettacolo corale e infarcito di sotto - trame, pertanto apprezzabile è anche il lavoro della compagnia tutta tra cui spicca quello dell’immarcescibile Roberto Sturno pienamente calato nei panni di Gloucester pur con qualche esubero di energia e di Dario Cantarelli, un «Matto» sorprendentemente fuori da ogni stereotipo. Coerenti tutti gli altri anche se non mancano toni eccessivamente isterici che producono momenti di saturazione. Nel complesso uno spettacolo che, come giustamente osserva Baracco, riesce a riflettere «la luce sotto il nero della tragedia, la luminosità della conoscenza ».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TEATRO/ 1 Il grande attore 89enne: «Finalmente ho l’età giusta per interpretare il monarca shakespiriano». Ottima, puntuale e scrupolosa la regia di Andrea Baracco che del testo sottolinea «la luce sotto il nero della tragedia, la luminosità della conoscenza»

________________________________

Da Avvenire di domenica 19 gennaio 2020

Corte di Cassazione a Sezioni Unite sul divieto di maternità surrogata

Stop alla trascrizione in Italia degli atti dello stato civile di StatiMaternità Surrogata 02 che all’estero riconoscono la qualità di genitori a chi abbia praticato la maternità surrogata.

Le Sezioni in cui si articola la Corte di Cassazione decidono adottando orientamenti potenzialmente anche diversi sulla medesima tipologia di questioni esaminate. In vista dell'uniforme applicazione della legge è prevista una speciale procedura mediante la quale la Cassazione decide a Sezioni Unite ossia regolando ipotesi tra loro omogenee, con un orientamento univoco e, perciò, particolarmente stabile.

E’ questo il caso di una decisione, la n. 12193 del 08 maggio 2019, intervenuta su una materia di estrema delicatezza, come la maternità surrogata.

L’intervento si è determinato in seguito a un iniziale «ricorso alla Corte d'appello di Trento, per sentir riconoscere, ai sensi della L. 31 maggio 1995, n. 218, art. 67, l'efficacia nell'ordinamento interno del provvedimento emesso il 12 gennaio 2011 dalla Superior Court of Justice dell'Ontario (Canada), con cui era stato accertato il rapporto di genitorialità tra il R. ed i minori, e per sentirne ordinare la trascrizione negli atti di nascita di questi ultimi da parte dell'ufficiale di stato civile del Comune di Trento».

Poiché «l'ufficiale di stato civile, con atto del 31 maggio 2016, aveva rifiutato di trascrivere quello oggetto della domanda, con cui era stata riconosciuta la cogenitorialità del R. e disposto l'emendamento degli atti di nascita» la Corte d’Appello di Trento, all’uopo interpellata, «con ordinanza del 23 febbraio 2017» ha accolto la domanda.

Maternità SurrogataMateria del contendere nelle situazioni proprie della tipologia di quella in oggetto è sempre la possibilità o meno di riconoscere l'efficacia in Italia del provvedimento straniero sul presupposto della sua compatibilità con l’ordine pubblico internazionale. Su questo argomento si fonda, tra gli altri, il ricorso proposto dal Pubblico Ministero, dal Ministero dell'interno e dal Sindaco di Trento alla Corte di Cassazione avverso la citata ordinanza, la quale aveva ritenuto conforme all’ordine pubblico «il provvedimento con cui il Giudice canadese» che riconosceva a M.C. ed A., già dichiarati figli di M.L., il medesimo status nei confronti di R.R. «con il quale i minori non hanno alcun legame biologico». L’ordinanza si era fondata su principio espresso dalla pronuncia della Corte di Cassazione, Sez. I, del 30 settembre 2016, n. 19599, che, tuttavia, riguardava «un minore generato da due donne, a ciascuna delle quali egli risultava legato da un rapporto biologico, in quanto una di esse lo aveva partorito, mentre l'altra aveva fornito gli ovuli necessari per il concepimento mediante procreazione medicalmente assistita», restandosi sostanzialmente nel quadro della fecondazione artificiale eterologa. Quindi nulla che abbia a che vedere con il caso ci occupa, riconducibile, invece, alla surrogazione di maternità, laddove «una donna presta il proprio corpo (ed eventualmente gli ovuli necessari al concepimento) al solo fine di aiutare un'altra persona o una coppia sterile a realizzare il proprio desiderio di avere un figlio, assumendo l'obbligo di provvedere alla gestazione ed al parto per conto della stessa, ed impegnandosi a consegnarle il nascituro» oltre che a rinunciare preventivamente a qualsiasi diritto nei confronti dei minori, in un quadro di totale assenza di legame biologico tra il sedicente genitore ed il nato dichiarato nel certificato di nascita.

La corte di Cassazione ha ravvisato nell'ordinanza impugnata un essenziale errore commesso nel seguire il ragionamento seguito dalla Sezione I, 19599/2016 che, invece, per i motivi sopra spiegati, non è «suscettibile di estensione al caso in esame, il cui unico punto di contatto con la fecondazione eterologa è rappresentato dall'estraneità alla coppia di uno dei soggetti che hanno fornito i gameti necessari per il concepimento, dal momento che la gestazione ed il parto non hanno avuto luogo nell'ambito della coppia, ma con la cooperazione di un quarto soggetto» e, per queste ragioni, la Corte a Sezioni Unite ha cassato l’ordinanza impugnata decidendo anche nel merito della questione che ne costituiva l'oggetto.

Ma la sentenza segna un decisivo passo avanti anche nella direzione propria del rapporto tra normativa di diritto interno e normativa internazionale, in questi ultimi anni, talvolta, contrassegnata da un’immotivata sudditanza della prima rispetto alla seconda quando, invece, come precisato dalla Corte, appunto a Sezioni Unite, ossia in modo tale che su questo punto non vi sia più difformità di orientamento, vi è «un profilo importante della valutazione di compatibilità, rimasto forse in ombra nelle enunciazioni di principio delle precedenti decisioni, ma dalle stesse tenuto ben presente nell'esame delle fattispecie concrete, ovverosia la rilevanza della normativa ordinaria, quale strumento di attuazione dei valori consacrati nella Costituzione, e la conseguente necessità di tener conto, nell'individuazione dei principi di ordine pubblico, del modo in cui i predetti valori si sono concretamente incarnati nella disciplina dei singoli istituti».

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa

e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie

- 8 maggio 2014

pdf icon

 

©giuseppemazzotta 2020  -  web master    logo accalia fatture